Cos’è il 5G

Dopo quasi 10 anni dal rilascio della rete internet mobile 4G, ci si prepara alla rivoluzionaria nuova tecnologia 5G. Questa rete internet Wi-Fi ad altissime prestazioni, garantirebbe il download di file di grandi dimensioni in pochi secondi con un conseguente risparmio energetico; Una considerevole riduzione dei costi di gestione delle infrastrutture ed una vera e propria rivoluzione sugli standard qualitativi, dei servizi internet offerti.

Il 5G secondo i dati, sarebbe più veloce rispetto al 4G di 100/1000 volte, indicativamente, si parla di velocita fino a 20Gbps in download e 10 Gbps in upload. Per raggiungere questi obbiettivi, il 5G sfrutta le onde millimetriche. Queste onde radio, oscillano tra i 30 e i 300Ghz ed è prevista la loro diffusione, grazie all’installazione di un’infrastruttura nazionale di micro antenne. Molte micro antenne.

Questo perché, le onde radio ad elevata frequenza non riescono a penetrare gli edifici o a superare agilmente gli ostacoli. Inoltre allo standard 5G, sarà assegnata la banda dei 700MHz, uno spettro di frequenze utilizzato fino ad ora, dalle emittenti televisive. Ne abbiamo parlato qui nel nostro articolo, sul nuovo standard del digitale terrestre DVB-T2.

Innovazione. I vantaggi di una rete ultra veloce.

La bassissima latenza, l’incredibile velocità e stabilità della connessione 5G, spiana la strada per un futuro domotico e robotico di alto livello. Basti pensare ai robot chirurgici comandati a distanza.

In questo contesto medico, un ritardo nella risposta ad un comando sarebbe fatale: È per questo che gli standard obbligatori, per poter rilasciare un protocollo 5G, sono estremamente rigidi. Il sistema 5G dovrà soddisfare una latenza, che non è altro che il tempo impiegato dai pacchetti di dati, per raggiungere la loro destinazione, inferiore a un millisecondo.

I tempi di risposta e la velocità, sono parametri molto importanti. Pensiamo ai veicoli con guida autonoma. Questi veicoli sfruttano i dati della rete, le informazioni sul traffico, per analizzare ed elaborare i percorsi e le loro varianti. Le dinamiche stradali, per garantire la sicurezza, richiedono tempi di reazione estremamente bassi. La tecnologia 5G garantirebbe a questi veicoli una connessione stabile e con tempi di risposta in millisecondi.

Sempre connessi

Per l’utente, la tecnologia 5G regalerà un’esperienza dinamica praticamente in tempo reale. Ad esempio con la tecnologia AR, la realtà aumentata (Oggi già disponibile in alcune applicazioni per smartphone o con l’utilizzo di occhiali e altri dispositivi compatibili), l’utente potrà camminare per la città e ricevere le informazioni in tempo reale su quello che sta guardando in quel momento, come ad esempio un monumento o una strada.

IoT (Internet delle cose) e l’home entertainment

La diffusione della rete WiFi 5G, permetterà di sbarazzarsi completamente della linea fissa. La navigazione internet ultra veloce, ci permetterà di effettuare il download di un film, con una risoluzione in 4K in pochi istanti.

I nostri elettrodomestici, sempre più smart, avranno un accesso a internet costante e, grazie al supporto dell’intelligenza artificiale (AI),  potranno aggiornarsi, comunicare e auto regolarsi per ottimizzare i consumi energetici.

Le infrastrutture e il risparmio energetico

Per completare il percorso verso il 5G, è necessario un adeguamento delle infrastrutture su tutti i livelli. Questo standard porterà dei vantaggi energetici notevoli. Le nuove infrastrutture permetteranno di gestire milioni di connessioni per chilometro quadrato.

La maggior parte degli obsoleti apparati di rete, presenti nelle città non saranno più necessari. Altri saranno sostituiti con sistemi più piccoli e più efficienti. Ma i vantaggi in termini di risparmio energetico non riguardano solo le infrastrutture: L’accesso ad una connessione ultra veloce sul proprio smartphone, tablet o pc, con tempi di caricamento immediati, si traduce in un minor consumo della batteria.

Paure per la salute e speculazioni sul 5G

Il 5G, è finito negli ultimi tempi in un vortice di preoccupazioni, proteste e speculazioni. Il timore si basa sulla diffusione di alcune teorie, sulla presunta pericolosità delle onde radio prodotte da questa tecnologia.

Ogni evoluzione tecnologica genera un parallelo clima di preoccupazioni e paure. Il più delle volte però, come la storia ci insegna, queste correnti critiche hanno origine da speculazioni e strategie economiche. Ad esempio, l’inventore statunitense Thomas Alva Edison, per imporre la diffusione della propria tecnologia, la corrente continua, cercò in tutti i modi di screditare la corrente alternata di Nikola Tesla. Tuttavia è legittimo che le persone si chiedano: “Questa nuova tecnologia, nasconde dei reali rischi per la salute?”

L’istituto superiore della sanità (Al termine di un’audizione alla camera, tenutasi proprio sul tema delle radiazioni a radiofrequenza e i tumori.) ha pubblicato un report che in sintesi, esclude correlazioni tra le tecnologie a radiofrequenza come il 5G e i tumori. Non solo, l’ISS specifica che, per quanto riguarda il 5G (Grazie all’utilizzo di queste nuove micro antenne più evolute ed efficienti.), un possibile rischio risulterebbe addirittura minore rispetto alle attuali tecnologie utilizzate.

Inoltre va specificato, solo per quanto riguarda lo spettro di frequenze dei 700 MHz, che si tratta delle stesse frequenze che utilizziamo da decenni  per trasmettere i programmi televisivi.

Quando sarà disponibile il 5G in Italia?

I test sperimentali di questa rete, sono già partiti in alcune città italiane come Milano, Roma e Torino. La quasi completa diffusione di questa tecnologia in Italia è prevista per il 2022.

- Advertisement -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui